LA KOMBUCHA, IL DRINK DEL FUTURO!

DIVERTIRSI… IN MANIERA CONSAPEVOLE E SENZA EFFETTI COLLATERALI SPIACEVOLI: E’ POSSIBILE? CI PENSANO I FOOD MAKERS CON LA KOMBUCHA!

Capita spesso che dopo una notte passata fuori con gli amici si debbano fare i conti con gli effetti che questa genera sul nostro organismo per colpa di quel bicchiere di troppo o quel boccone in più che può fare la differenza. Sono tante le startup che si muovono per ovviare a questo problema, cercando prodotti da lanciare sul mercato che siano gustosi ma allo stesso tempo sani e digeribili. In Canada, negli Stati Uniti e nel Regno Unito tra gli ultimi trend di questo genere c’è senza dubbio la Kombucha. Si tratta di una bevanda fermentata a base di tè ed originaria della Cina. Tale composto si ottiene dalla simbiosi tra microrganismi (lievito e batteri): questo permette l’avvio di un processo di fermentazione durante il quale il lievito trasforma lo zucchero in anidride carbonica e alcol. I restanti microrganismi trasformano la restante parte in cellulosa, sostanza che permette la crescita della Kombucha stessa formando la massa gelatinosa che fa poi da “starter” alla bevanda fermentata.

La Kombucha è quindi il risultato di un processo di fermentazione che offre al gusto di chi la beve un’esperienza effervescente e rinfrescante con una bassa percentuale di alcool.

Vuoi saperne di più? Leggi l’articolo completo a questo link, sulla pagina ufficiale di Maker Faire Rome!