FOOD AREA: DA SARA ROVERSI SPOILERS #MFR17!

FOOD AREA. SARA ROVERSI, FOUNDER DI FUTURE FOOD, CI RACCONTA COME SARA’ L’AREA DEDICATA AI CIBO DEL FUTURO A #MFR17. SIETE PRONTI PER UN VIAGGIO CHE ATTRAVERSA L’INTERA FILIERA DEL CIBO?

Food e le innovazioni che vi ruotano attorno sono uno dei temi più attesi dal pubblico di #MFR17 pertanto intervistiamo Sara Roversi per qualche anticipazione su cosa troverete.

D. Sara, cosa rappresenta Maker Faire Rome per te?

R. E’ uno dei momenti più importanti dell’anno per la Food Makers Community mondial. In momento di festa, MFR17 è una grande casa per gli  d’innovatori e le innovatrici da tutto il mondo.

Con noi ci sarà anche Chiara Cecchini, editor della rassegna Edible Innovation di Make Magazinee Project Manager dell’area Food di due tra le più importanti Maker Faire al Mondo: la World Maker Faire di New York e la Maker Faire Bay Area in California.

Avremo poi Chloe Rutzerveld, giovane talento, food designer e maker pionieristica che con le immagini del suo Edible Growth, la sfera ripiena di funghi, creata stampando in 3D un terreno di coltura commestibile, ha fatto il giro del mondo!

E sempre dall’Olanda, paese ricchissimo di innovazioni nel settore AgriFood, Marie Caye, founder diSAM, una macchina che tramite un software  produce e serve da sola soda di kefir (e presto Kombucha).

D. Nella scorsa edizione il Future Food ci ha mostrato davvero di tutto, dal cibo degli astronauti al burger alle alghe passando per i cocktail stampati in 3D. Cosa ci aspetta quest’anno?

R. Quest’anno faremo un viaggio lungo la catena alimentare centrato sull’essere: “Food Maker”. Il Food Maker è il protagonista dell’intero ciclo alimentare, colui che – con un ruolo estremamente proattivo:

  • coltiva
  • produce
  • trasforma
  • combina
  • scambia
  • consuma
  • ricicla

Con il suo operato e le sue scelte quotidiane può davvero generare un impatto sull’intera comunità.

L’area  Food sarà quindi caratterizzata da attrazioni ed installazioni, workshop e talks; un percorso che porterà il visitatore a vivere i diversi momenti della catena alimentare, proiettandosi nel futuro.

Sarà un’esperienza sensoriale per tutte le etá dato che, dopo il successo della scorsa edizione, torneranno infatti anche i kids lab con la nostra Beatriz Jacoste.

Leggi l’intervista completa a questo link, sulla pagina ufficiale di Maker Faire Rome!

Leave a Reply